AMC utilizza cookie che ci aiutano a fornire i nostri servizi. Continuando la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie
Maggiori Informazioni
Ok
 
 
Skip Navigation Links
Rete e Azienda

Informativa Cookie
Mappa
Help
Accertamento della sicurezza post contatore









AMC SpA - Sezione: accertamenti della sicurezza post contatore

 

Il 6 febbraio 2014 l’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas ha pubblicato la “nuova” Delibera 40/2014/R/gas recante le “Disposizioni in materia di accertamenti della sicurezza degli impianti di utenza a gas”, che a partire dal 01 luglio 2014 sostituisce la precedente Delibera 18 marzo 2004, n. 40/04.

 

Tale Delibera prevede l’obbligo da parte delle aziende di distribuzione del gas di effettuare un accertamento documentale sugli impianti di utenza, al fine di verificarne la corretta esecuzione ai fini della sicurezza, nel rispetto della normativa vigente.

 

Si applica all’attivazione/riattivazione della fornitura di gas agli impianti di utenza per uso non tecnologico (riscaldamento, cottura cibi, produzione di acqua calda sanitaria, condizionamento) nei seguenti casi: 

  • impianti nuovi;
  • impianti trasformati (impianti precedentemente alimentati con altro tipo di gas, ad esempio gpl);
  • impianti modificati (ad esempio per spostamento del contatore o aumento di potenza).

In base alla sopra citata deliberazione, il cliente finale che richiede l’attivazione/riattivazione di una fornitura di gas deve far pervenire ad AMC la seguente documentazione, consegnatagli dal venditore già precompilata per le parti di propria competenza:

  1. Allegato H/40  (da compilarsi a cura del cliente finale);
  2. Allegato I/40  (da compilarsi a cura dell’installatore) completo dell’ulteriore documentazione prevista dallo stesso a seconda del tipo di impianto.

Nel caso di impianti alimentati a gas che ricadono nell’ambito delle attività soggette a prevenzione incendi ai sensi del D.P.R. 151 del 1º agosto 2011 e s.m.i., la documentazione da presentare, oltre a quella sopra specificata, è la seguente:

per gli impianti con portata termica maggiore di 116 kW e fino a 350 kW, copia di “Dichiarazione del Progettista inerente il rispetto della disciplina antincendio”;

per gli impianti di portata termica maggiore di 350 kW , copia del “Parere di conformità antincendio” rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco territorialmente competente.

 

Il recapito al quale fare pervenire la documentazione è il seguente: AMC SpA, Via Orti n. 2 - 15033 Casale Monferrato (AL).

 

AMC sottopone ad accertamento la documentazione solo nel caso in cui essa sia completa in ogni sua parte e, nel caso di esito positivo dell’accertamento, attiva la fornitura; nel caso di esito negativo, ne da comunicazione al cliente finale, evidenziando le difformità riscontrate e segnalando la necessità di presentare una nuova richiesta di attivazione.

 

I costi a carico del cliente finale per le attività di accertamento previsti dalla Delibera AEEG 40/2014/R/gas, al netto delle imposte, sono:

 

  • Euro 47,00 per ogni impianto di utenza accertato con portata termica complessiva minore o uguale a 35 kW;
  • Euro 60,00 per ogni impianto di utenza accertato con portata termica complessiva maggiore a 35 kW e minore o uguale a 350 kW;
  • Euro 70,00 per ogni impianto di utenza accertato con portata termica complessiva maggiore a 350 kW.

 

Per il testo completo della Delibera 40/2014/R/gas e s.m.i. e le disposizioni in essa contenute, si rimanda al sito internet dell'Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico all’indirizzo www.autorita.energia.it

 

I criteri per l’effettuazione degli accertamenti documentali da parte delle aziende di distribuzione sono riportati nelle "LINEE GUIDA CIG n.11”, consultabili sul sito internet del Comitato Italiano Gas: http://www.cig.it/

 

Si riporta di seguito la modulistica necessaria per una corretta richiesta di attivazione della fornitura ai sensi di quanto sopra precisato: 

Per gli impianti non ricadenti nell’ambito di applicazione della Delibera AEEG 40/2014/R/gas (uso tecnologico, disattivati per cessazione o disdetta del contratto di fornitura e non modificati) i clienti finali che richiedono l’attivazione di una fornitura di gas devono far pervenire ad AMC la seguente documentazione: 

Per la riattivazione della fornitura di gas di impianti chiusi dal servizio di pronto intervento a seguito di dispersione gas, i clienti finali devono far pervenire ad AMC il seguente documento: 

Allegato F40.pdf
Relazione tecnica dell'impianto termico.pdf
Linee_guida_CIG_11.pdf
Rapporto tecnico di compatibilità.pdf
Dichiarazione progettista rispetto disciplina antincendio.pdf
Richiesta attivazione impianti non soggetti a delibera 40_14.pdf
Corretta esecuzione impianti non soggetti a delibera 40_14.pdf
Attestazione prova di tenuta impianto.pdf
Rel. 2.0.102(08)